CATANZARO: Sicurezza: Savip, troppe bancarotte istituti vigilanza

Mercoledì, 20 Dicembre 2023 16:31

Sicurezza: Savip, troppe bancarotte istituti vigilanza 

Roma, 20 dic. - "Il susseguirsi di clamorose bancarotte e procedimenti penali per "schiavismo" nel settore della vigilanza privata e' la riprova dell'inesistenza di qualsiasi reale efficace servizio di controllo in un settore che, sulla carta, dovrebbe essere controllatissimo". Lo dichiara Vincenzo Del Vicario, segretario del Savip, il sindacato autonomo vigilanza privata, a seguito della bancarotta che ha riguardato un istituto di vigilanza privato di Catanzaro. "Prefetti, Questori, Dipartimento della pubblica sicurezza, che dovrebbero vigilare, sono mille anni indietro, anche da un punto di vista organizzativo mentre il personale addetto e' privo di necessaria formazione. Manca, al Ministero dell'interno come sul territorio, una "visione" in un settore sempre piu' determinante per la sicurezza pubblica e che con le polizie dovrebbe integrarsi - ha aggiunto il Savip - non e' un caso che le indagini, come nel caso di Catanzaro, siano sempre della Guardia di Finanza, anche quando si tratta di reati gravissimi e che pregiudicano altrettanto gravemente i diritti e la dignita' dei lavoratori". "Nel caso di Catanzaro il Savip anni fa aveva acceso una luce, con formali denunce alle Autorita', rimaste lettera morta. Fin quando la situazione e' inevitabilmente esplosa, con gli effetti che sono sotto gli occhi di tutti - si legge nella nota del Savip - Fra abusi, sfruttamento, concorrenza sleale e condotte spregiudicate degli Istituti di vigilanza, assenti i controlli preventivi di legalita', lo Stato interviene (quando interviene!) quando il danno ormai si e' prodotto". Fonte AGI 20 DIC 23 

Savip, vigilanza privata stretta tra bancarotte e schiavismo 'Settore è cartina al tornasole inefficienza Ministero Interno'

CATANZARO, 20 DIC - "Il susseguirsi di clamorose bancarotte e procedimenti penali per 'schiavismo' nel settore della vigilanza privata è la riprova dell'inesistenza di qualsiasi reale efficace servizio di controllo in un settore che, sulla carta, dovrebbe essere controllatissimo. Prefetti, Questori, Dipartimento della pubblica sicurezza, che dovrebbero vigilare, sono mille anni indietro, anche da un punto di vista organizzativo mentre il personale addetto è privo di necessaria formazione". E' quanto afferma, in una nota, Vincenzo del Vicario, segretario nazionale del Sindacato autonomo della vigilanza privata (Savip). "Manca, al Ministero dell'interno come sul territorio - aggiunge del Vicario - una 'visione' in un settore sempre più determinante per la sicurezza pubblica e che con le polizie dovrebbe integrarsi. Non è un caso che le indagini, come nel caso di Catanzaro, siano sempre della Guardia di Finanza, anche quando si tratta di reati gravissimi e che pregiudicano altrettanto gravemente i diritti e la dignità dei lavoratori. Nel caso di Catanzaro il Savip anni fa aveva acceso una luce, con formali denunce alle Autorità, rimaste lettera morta. Fin quando la situazione è inevitabilmente esplosa, con gli effetti che sono sotto gli occhi di tutti". "Fra abusi, sfruttamento, concorrenza sleale e condotte spregiudicate degli Istituti di vigilanza, assenti i controlli preventivi di legalità - è detto ancora nel comunicato - lo Stato interviene, quando interviene, quando il danno ormai si è prodotto". Fonte ANSA 2023-12-20

Sicurezza, Savip: “Troppe bancarotte in istituti di vigilanza” Fonte Il Dispaccio >>>

Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari imprenditore di Catanzaro Accuse anche per reati fiscali Sequestro beni per 5 milioni euro Vedi notizia >>>

 

Pubblicato in In evidenza